7-giorni

 

belice-logoIl libro di Salvatore Lanno “Il ricordo del 9”

 

Il dieci gennaio scorso al museo San Francesco di Calatafimi – Segesta è stato presentato il libro di Salvatore Lanno “Il ricordo del 9”. 7eventi_calatafimi03Alla presenza dell’assessore alla cultura Domenico Scavuzzo e di oltre un centinaio di persone l’autore ha illustrato il senso della sua opera e le ragioni che lo hanno ispirato. L’assessore ha preso parola per primo sottolineando alcune frasi del volume che lo avevano colpito particolarmente e dedicando una poesia all’autore. Poi è stata la volta dello scrittore Salvatore Lanno che dopo aver ringraziato tutti i presenti, l’assessore e il sindaco per avergli dato la possibilità di essere lì, ha sintetizzato il contenuto del libro. L’opera abbraccia il periodo dell’infanzia, della vendemmia, ma soprattutto la tragica esperienza personale vissuta il 9 settembre del 1999. Un giorno che non potrà mai dimenticare. In quella data, infatti, un incidente stradale causò la morte dell’amico Simone e lasciò in gravi condizioni l’autore. Il messaggio che Salvatore Lanno ha voluto trasmettere attraverso il suo libro è quello che bisogna avere sempre la forza di andare avanti, malgrado gli ostacoli che ci riserva la vita. Parte del ricavato dell’opera, andrà in beneficenza alla parrocchia Mutoyi del Burundi nel centro Africa.

Eugenia Loiacono

logo-settegiorni

Col libro di Salvatore Lanno si dà una mano al Burundi

Il libro di Salvatore Lanno uscito lo scorso mese di marzo, si intitola “Il ricordo del 9” e ha lo scopo di fare un gesto altruista per il prossimo, oltre che dare un messaggio di vita a tutti coloro che si cimenteranno nella lettura del romanzo. Salvatore Lanno nel tempo libero coltiva una forte passione per la musica, insegnando e suonando il sax. Nel suo libro l’autore si è aperto moltissimo, mettendo in gioco gran parte di se stesso; la vicenda del romanzo è ambientata in Sicilia. Negli episodi dell’infanzia del protagonista, Salvatore Lanno racconta anche la propria storia. Una durissima esperienza, un incidente stradale, segnerà poi la vita del personaggio, che si ritroverà ad affrontare il dolore e le difficoltà in ogni momento della vita quotidiana. “Nel libro parlo di un’esperienza che non è unica – afferma l’autore – so bene che ciò che racconto nel libro è successo a moltissime persone, ma nel messaggio che ho voluto dare è che ogni esperienza per quanto dura è sempre superabile, molte persone si trovano ad affrontare momenti tragici, ma possono riuscire a rialzarsi e ad andare avanti”. Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto in beneficenza alla parrocchia di don Miro dei santi Quirico e Giuditta di Gudo Visconti per la parrocchia di Mutoyi in Burundi. L’esigenza di scrivere questo libro si è trasformata quindi per l’autore anche nel desiderio di essere di aiuto per chi è sfortunato.

Nerissa Guadrini

logo-settimanale

“Il ricordo del 9” Una dura esperienza di vita per aiutare le persone bisognose dell’ Africa

Il libro di Salvatore Lanno uscito a marzo, si intitola “Il ricordo del 9” e ha lo scopo di fare un gesto altruista, oltre che dare un messaggio di vita a tutti coloro che si cimenteranno nella lettura del romanzo. L’autore coltiva la passione per la musica, insegnando e suonando il sassofono. Nel suo libro l’autore mente in gioco gran parte di se stesso; il romanzo è ambientato in Sicilia e descrive alcuni episodi dell’infanzia del protagonista. Salvatore Lanno racconta anche la propria storia. Una durissima esperienza, un incidente stradale, segnerà la vita del personaggio, che si ritroverà ad affrontare il dolore e le difficoltà.

P.T.

l'eco“Il ricordo del 9” Pochi attimi che cambiano la vita

Salvatore Lanno è un ragazzo semplice, umile, vero. Salvatore è anche un musicista, suona il sax. Sta collaborando ad un progetto con la scuola per insegnare ai bambini a suonare il flauto, a fine anno scolastico ci sarà anche un saggio. Salvatore è impegnato nel volontariato, fa il soccorritore. E forse, dopo aver raccontato la sua storia, capiremo anche il perché. Salvatore nel tempo libero fa l’arbitro di calcio per la sezione di Abbiategrasso. una vita normale. Segnata però da un dolore immenso, dal bisogno, nonostante non abbia alcuna colpa, di riscattarsi. E così, a dieci anni di distanza dall’evento che per sempre ha segnato la sua vita come uno spartiacque, Salvatore scrive un libro, ispirato a quello che gli è accaduto. Un libro scritto in modo semplice, le parole gli escono dal cuore.

Samantha Oldani

roseto“Il ricordo del 9”

L’autore racconta alcuni episodi della sua infanzia, trascorsa in Sicilia, soffermandosi su un episodio particolare. Il 9/9/99 il protagonista è coinvolto in un incidente stradale. La trama del libro si sviluppa esponendo stati d’animo, emozioni, dolori e sorprese che si intrecciano con fatti di tutti i giorni. Il messaggio che l’autore vuole dare è che nella vita bisogna sempre credere che anche gli avvenimenti negativi si può trarre la forza di reagire. Parte del ricavato della vendita sarà destinato in beneficenza alla parrocchia di don Miro di Gudo Visconti per le missioni in Burundi.

M. P.

cronaca“Il ricordo del 9” di Lanno

Si chiama “Il ricordo del 9” il primo romanzo di Salvatore Lanno. Ambientato in Sicilia, il libro prende spunto da episodi realmente vissuti dall’autore durante l’infanzia. Al centro del racconto, un incidente stradale. La vita del protagonista cambierà radicalmente: sarà costretto ad affrontare il dolore e le difficoltà del vivere quotidiano. Narro un’esperienza provata da moltissime persone e getto un seme di speranza – spiega Lanno -. Il messaggio che ho voluto trasmettere è che ogni esperienza per quanto per quanto dura è sempre superabile; anche davanti ai momenti più tragici ci si può riuscire a rialzarsi.

(sab.fos.)