LA STORIA SPEZZATA

Poesia di Angela Russo   Un rovescio improvviso di fiamme come un fiume scintillante rincorre il boato sulla città ferita.   La storia spezzata dall’orgoglio selvaggio di cupi tiranni erompe smarrita nei ricordi di parole di donne, bambini dalla dolorosa bellezza.   Vidi uomini con gli occhi fissi giacere là dove un tempo sorgeva il sacro tempio ora violato dal fanatismo e da brandelli di  promesse di chi porta la guerra in nome di Dio.   Prepariamo la pace con le memorie d’amore di tutti gli uomini che posarono il piede su questa terra maestosa e triste.   Il feroce presente si annullerà sopraffatto e le muse ritorneranno a cantare…...

I DIRITTI DELLA DONNA

UN SECOLO DI CONQUISTE E’ il 900, il secolo in cui le donne ottengono risultati positivi sia nell’ambito del lavoro che in quello dei diritti. Il primo inserimento di massa delle donne nelle fabbriche si ebbe durante la prima guerra mondiale, quando esse vennero chiamate a occupare i posti lasciati liberi dagli uomini. Al termine del conflitto, però, furono costrette a tornare alle abituali occupazioni. Con la seconda guerra mondiale furono richiamate nelle fabbriche e questa volta non tornarono a casa, dato che l’espansione economica del dopoguerra consentì loro di mantenere i posti di lavoro. Negli ultimi cinquant’anni, con la scolarizzazione di massa e l’espansione del terziario, le donne si sono inserite in tutte le attività produttive, anche in quelle tradizionalmente maschili (medicina, ingegneria, avvocatura…). Ancora più difficile è stata la lotta delle donne per veder riconosciuti i loro diritti. La prima grande battaglia politica del XX secolo fu portata avanti dalle suffragette (movimento di emancipazione femminile nato per ottenere il diritto di voto per le donne) inglesi a partire dal 1903, per ottenere il diritto di voto. Nel periodo tra le due guerre quasi tutte le nazioni europee concessero il suffragio universale e allora il movimento femminista rallentò la sua spinta. La lotta è ripresa alla fine degli anni sessanta, con le donne scese in piazza per ottenere i diritti civili (tutela della maternità, divorzio, aborto…) e per costruire una nuova società con diritti uguali per tutti. Un contributo decisivo in questa direzione è venuto dall’ONU che ha attivato diverse iniziative per stimolare in tutto il mondo il processo di emancipazione femminile. Oggi possiamo affermare che nei Paesi...

SICILIA

Sicilia Poesia di Angela Russo   Terra odorosa di zagara e di brezze marine cariche di giorni illuminati di tramonti dorati.   Già da tempo aggiogata alla violenza ti trascini innocente vittima sacrificale della follia  esultante degli uomini che vivono senza misura.   Rivoli di sangue bagnano il tuo grembo violato dove germoglia solo la memoria dei tuoi figli caduti nell’oblio.   Voci non udite che si perdono nella vita in catene di chi resta…   Grave è per me portare il peso delle tue passioni che s’infiammano e bruciano come il fuoco che sgorga dall’Etna.   Una sommessa speranza mi guida. Percorrerò il sicuro sentiero...

BUON COMPLEANNO VESPA

70 anni e non sentirli! Era il 23 aprile del 1946, poche settimane prima che gli italiani si esprimessero sul referendum monarchia-repubblica, quando Enrico Piaggio depositò il brevetto a Firenze del primo prototipo MP6 realizzato dall’ingegnere Corradino D’Ascanio, e battezzato subito “VESPA” dallo stesso Enrico Piaggio. Si narra infatti, che Enrico, davanti al prototipo Mp6, osservando la parte centrale molto ampia per accogliere il conducente e poi la parte posteriore stretta, esclamò: “sembra una vespa”, e Vespa fu. Il prezzo di poco superiore alle 50.000 lire, equivaleva a diversi mesi di lavoro di un impiegato, tuttavia la possibilità del pagamento rateizzato crea uno stimolo notevole per le vendite. In Italia la vespa diventa ben presto un vero e proprio must. Ma a renderla famosa nel mondo è il film “Vacanze romane” del 1953, diretto da William Wyler e interpretato da Gregory Pech e da Audrey Hepburn. A settant’anni dalla nascita, la Vespa continua ad affascinare le giovani generazioni, con diversi modelli di produzione che rendono, di fatto, impermeabile alla crisi. Un mito intoccabile. Sandra...

LA BELLEZZA

 La Bellezza Poesia di Angela Russo   Da tempo sei scomparsa nel  silenzio di un disegno imposto come un fiore a cui non è stato permesso di sbocciare.   Il tuo ricordo inaridito è un’ombra scura sul volto sonnolente di chi crede di vivere. Una volta nel petto degli uomini antichi denso di sogni echeggiava il tuo canto. Non indossavi vesti superbe, il tuo incedere era un suono lieve che sfiorava l’orgoglio desolato del mondo. Ho appreso da te nel più segreto e profondo dolore della vita la forza del mio cuore ardente, l’amore disperso nella luce. Le anime innocenti che guardano al mondo inclinano verso di te. Chi ama la bellezza non può sentirsi tradito dalla...

A MANTOVA IL CAMPIONATO DEL MONDO MOTOCROSS MXGP MX2

Dopo 5 anni il Campionato del mondo motocross torna a fare tappa al Circuito Città di Mantova. Il miglio d’oro del motocross italiano ospiterà sabato e domenica 22 e 23 agosto la 15° prova del Campionato del mondo motocross MXGP e MX2. L’ultima edizione del mondiale a Mantova è stata il GP Lombardia del 10 e 11 aprile 2010 vinto da Antonio Carioli (KTM/MX1) e Marvin Musquin (KTM/MX2). Il ritorno del mondiale a Mantova è una notizia attesa nell’intero motorsport, perché la pista lombarda da 32 anni ospita moltissime gare ed è considerata un tempio di questo sport. Lungo i suoi 1.650 metri hanno corso e vinto tutti i più grandi Campioni del motocross e 4 generazioni di crossisti, da Georges Jobè a Rinaldi e Maddii, da Everts a Joel Smets, ora Cairoli ed Herlings, domani Dankers e Meuwissen che già hanno corso e primeggiato al Nuvolari. Dal punto di vista mediatico, l’appuntamento lombardo sarà molto seguito. Vi partecipano 74 piloti provenienti da 22 nazioni e 7 Case motociclistiche impegnate ufficialmente. La televisione raggiunge 179 diversi Paesi, il motocross è trasmesso da tutte le più importanti televisioni del mondo, ben 64 nazioni si collegheranno in diretta, in Italia la gara è visibile su Mediaset Italia 2 e su Eurosport.  ...

A MALPENSA IL PIU’ GRANDE PLASTICO ITALIANO

È il più grande plastico d’Italia e non poteva che trovare collocazione a Volandia, il più grande Parco e Museo del Volo, a un passo dal Terminal 1 di Malpensa. Da venerdì 24 aprile 2015, entrando a‎l museo nato dal recupero delle storiche Officine Caproni del 1910, l’impatto sarà davvero emozionante: il pubblico, una volta “salito a bordo” di Volandia si troverà davanti al più grande plastico fisso esistente in Italia. Una sorta di museo all’interno del museo. Treni, locomotive, dirigibili, mongolfiere un mondo in movimento che rappresenta la “città ideale” pensata da Leonardo Da Vinci e reinterpretata dal professore Ogliari, “padre” del muse‎o dei Trasporti di Ranco che a breve sarà completamente trasferito a Volandia. Oltre 200 mq di superficie, 400 mt di binari, circa 500 vagoni ferroviari, una mongolfiera, un dirigibile, un centinaio fra aerei ed elicotteri che lasceranno grandi ‎e piccini a bocca aperta. La costruzione di questo plastico risale, nella a circa 40 anni fa, successivamente, con lo spostamento del museo dei Trasporti da Malnate a Ranco, il plastico venne trasferito a Villa Fantasia, dimora privata del professore, dove subì un ampliamento. Negli anni Novanta il plastico fu ulteriormente ingrandito, fino ad arrivare alle attuali dimensioni attuali e fu inaugurato nel 1996. Dopo quasi 20 anni il fascino di questo plastico rivive a...

IL BARBIERE DI SIVIGLIA AL TEATRO ALLA SCALA

Nell’ estate di Expo 2015, il Teatro alla Scala non va in vacanza e propone un programma decisamente ricco di eventi imperdibili per gli appassionati di opera e musica colta. Dal 27 luglio, infatti, il Piermarini ospiterà una nuova messa in scena de Il barbiere di Siviglia, la celeberrima opera di Gioacchino Rossini realizzata in collaborazione dell’Accademia del Teatro alla Scala. Parliamo dell’opera italiana più eseguita al mondo. Nessuno prima di Rossini aveva saputo scrivere opere che corrono a quella velocità. E il ritmo indiavolato, la divertita follia a orologeria che ognuno vorrebbe vivere, le verbalizzazioni vorticose di cantanti-marionette-impazzite, vengono ancor più esaltati da immobili concertati di stupore. Il successo del celebre spettacolo del regista Jean-Pierre Ponnelle, che conta ormai oltre quarant’anni senza dimostrarli, è dovuto ad un’adesione alla musica, seguita come se il regista si facesse coreografo di un balletto cantato. A dirigere l’orchestra sarà Massimo Zanetti, chiamato a salire sul podio del Piermarini per confrontarsi con un cast in cui maestri del canto come Leo Nucci e Ruggero Raimondi calcheranno il palcoscenico insieme ai loro allievi dell’Accademia del Teatro alla Scala. Le repliche de Il barbiere di Siviglia al Teatro alla Scala proseguiranno fino a lunedì 10 agosto. Tutte le recite saranno a partire dalle ore...

APPELLO DEL PAPA PER PADRE DALL’OGLIO

Il Papa ha rivolto il suo appello dopo la recita dell’Angelus, con accanto un ragazzo e una ragazza che lo hanno affiancato mentre digitava su un tablet la sua iscrizione alla trentunesima Giornata Mondiale della Gioventù che si svolgerà l’anno prossimo in Polonia. “Ho voluto aprire io stesso le iscrizioni e mi sono appena iscritto come pellegrino mediante il dispositivo elettronico”, ha detto. “Celebrata durante l’Anno della Misericordia, questa Giornata sarà, in un certo senso, un giubileo della gioventù.  Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5,7)”, ha spiegato. “Invito i giovani di tutto il mondo – ha aggiunto Francesco – a vivere questo pellegrinaggio sia recandosi a Cracovia, sia partecipando a questo momento di grazia nelle proprie...

A BUDAPEST VITTORIA DI VETTEL

BUDAPEST – Vettel spacca in due le Mercedes e vince il suo 41 Gp, quello di Ungheria. Una trionfo storica, che arriva in un momento importante per la Ferrari e che Sebastian dedica subito a Bianchi: “Questa vittoria è per te Jules!” Urla ai box via radio appena tagliato il traguardo. “Spaccate in due le Mercedes” perché effettivamente la sua incredibile partenza (da terzo a primo, seguito come un’ombra da Raikkonen) ha fatto letteralmente impazzire Rosberg ed Hamilton che così hanno mandato in scena una serie di errori mai visti prima. Così alla fine fra un colpo di scena e l’altro, alla fine sul podio alle spalle di Vettel sono arrivati Kvyat e Ricciardo. Ottimo quarto posto per il 17enne Verstappen con la Toro Rosso e grandissimo quinto posto di Fernando Alonso che porta per la prima volta a punti la McLaren-Honda. E il “dominatore” partito dalla pole? Solo sesto: Hamilton infatti non solo è partito male dalla pole position ma poi ha commesso una lunga serie di errori. Il campione del mondo resta comunque in testa alla classifica con 202 punti contro i 181 di Nico Rosberg che ha concluso ottavo dopo la foratura causata dall’incidente con Ricciardo a 5 giri dal termine mentre era secondo. Settimo posto per Romain Grsojean con la Lotus, mentre anche Jenson Button con l’altra McLaren chiude nei punti nono. Decimo posto per Marcus Ericsson con la Sauber. Vettel con la vittoria odierna è ora terzo nel mondiale con 160...
Pagina 2 di 3123